Foresta luminosa – Atelier Oslo/AWP, Lanterna, Langgata, Norvegia

di Mara Corradi

Onorata del titolo di capitale europea della cultura nel 2008, la città di Stavanger in Norvegia organizzò ‘Open Port’, un programma di eventi che spaziava dall’architettura alla letteratura, alla musica, alle arti visive, stimolando l’iniziativa di tutti i suoi comuni. La municipalità di Sandnes partecipò con una serie di attività, tra le quali il concorso ‘Norwegian Wood’, per promuovere la costruzione in legno locale per i suoi valori di sostenibilità. Una delle gare del concorso trattava il tema dello spazio urbano come luogo di sosta e condivisione, e chiedeva di allestire una piazzetta all’incrocio tra Flintergaten e Laggaten, due vie pedonali in prossimità dell’area portuale. Vincitore della gara, il gruppo composto dai norvegesi Aterlier Oslo e dallo studio francese AWP, immaginò una copertura per la piccola piazza, che fungesse da tetto alle attività culturali, mercati, manifestazioni e concerti informali, organizzate dal comune, oltre che al libero incontro dei cittadini. Disegnata con tetto a due falde, come molti edifici nella stessa via, è ispirata all’archetipo dell’abitazione e, sorretta da quattro colonne in rovere massiccio con giunti d’acciaio, ognuna diversa dall’altra e rientranti rispetto al perimetro della copertura, la struttura sorride al contesto, rimandando all’immagine della casa sull’albero. Il tetto non è pieno, ma è composto da una griglia di elementi di pino lamellare, primari e secondari, di 9×9 cm in sezione, e rinforzi in acciaio, sulla quale si appoggia un manto di vetro che costituisce la copertura vera e propria. Montati parzialmente sovrapposti, come in un tetto di ardesia, i moduli quadrati che costituiscono la copertura sono fissati reciprocamente in modo da essere solidali e poi ancorati direttamente agli elementi in legno, evitando l’inserimento di uno scheletro metallico che avrebbero gravato sull’immagine generale. Lungo il perimetro della struttura, una serie di fari puntano verso la sua sommità interna trasformando l’architettura in una lanterna a scala urbana. Di notte, l’illuminazione ne esalta la leggerezza che di giorno è valorizzata dalla luce naturale per mezzo della copertura in vetro. Passanti e astanti possono spalancare lo sguardo al cielo in un luogo circoscritto e definito che pur non appare chiuso e limitato, ma in dialogo continuo con il contesto urbano. Con rispettoso omaggio alla natura, le quattro colonne si biforcano sia verso l’alto per sostenere in più punti la copertura, sia verso il basso per ancorarsi più saldamente al suolo, assumendo l’aspetto di alberi con rami e radici. La loro distribuzione non segue una maglia e non ripartisce uniformemente lo spazio coperto, ma è pensata in modo da offrire diversi momenti di fruizione, piccoli o grandi, perimetrali o centrali, anche aggregabili tra loro. Sfuggente alle definizioni tipologiche, la Lanterna è una piazza che non rinuncia ad essere luogo di transito, dove arrestarsi un momento, sedendosi sulle panche ‘scolpite’ nelle colonne, e prendere parte alle temporanee esibizioni organizzate dalla città. È un belvedere cittadino, ricco di scorci che non si fa mancare quello verso il cielo; è un landmark che usa l’iconografia della casa tradizionale per emergere come monumento, punto di orientamento nella città e nella notte. Oggetto luminoso fuori scala, la Lanterna è soprattutto installazione urbana al confine tra le arti.

foto Thomas Liu, Haakon Eikesdal, Marius Mowe, Jonas Adolfse

nome progetto La Lanterna The Lantern

progetto  Atelier Oslo – Thomas Liu, Nils Ole ‘solo’ Brandtzæg, Marius Mowe, Jonas Norsted, Bosheng Gan e AWP – Matthias Armengaud, Marc Armengaud, Alessandra Cianchetta, Arnaud Hirschauer

strutture Kristoffer Apeland

acustica Sweco

consulente illuminotecnico COWI

committente Sandnes Municipality

luogo Sandnes, Ragna Stakland, Norvegia

superficie costruita 140 mq

superficie lotto 500 mq

volume 900 mc

progetto 2007

inizio lavori 2008

fine lavori novembre 2008

costo totale 1.212.784 euro

 

www.atelieroslo.no

Share:

Discussions — No responses yet