AND 25 – SKETCH > DREAM

Nel Dicembre 2003 usciva il numero zero di AND dedicato a Jean Nouvel AND Firenze. Una vera avventura editoriale con pochissima esperienza ma molta passione condivisa con Eugenio Martera ed un gruppo di giovanissimi
architetti fiorentini d’origine e d’adozione. Rileggendo indietro quel momento e analizzandolo criticamente dovrei
lanciare un monito a quei giovani architetti sui rischi e sulle difficoltà di aprire un varco editoriale in una piazza lontana dal mondo milanese ed in una città con grandi tradizioni culturali nel campo editoriale, ma allo stesso tempo
dura e difficile ad accettare le novità. Ma il tempo ha dato ragione a quella follia piena di entusiasmo e di voglia 05 di partecipare ad un “racconto” editoriale senza porsi con l’atteggiamento fiorentino del “contro”, ma recuperando quel valore che sa uscire nei momenti di difficoltà come dimostrazione di una civiltà strutturata e solo apparentemente nascosta: essere “per”. AND “per” le città, gli architetti e architetture, ma soprattutto “per” il racconto
interdisciplinare su temi di volta in volta specifici e intensi. Il 2013 è stato l’inizio del “racconto” geograficamente
specifico: la creatività italiana in tutti i suoi aspetti compositivi e di conoscenza del “bello”. La globalizzazione ha
permesso a AND di poter finalmente alzare la testa, seppur da una piccola città, senza la vergogna di un provincialismo di maniera, ma con la consapevolezza che la bellezza appartiene al Bel Paese. Dal Brasile a Hong Kong 09 la rivista AND è riconosciuta dai lettori fin dal primo momento, fin dalla grafica della copertina, una rivista italiana e comprata nonostante l’alto prezzo di vendita. Dopo 10 anni possiamo dire senza esitazione di rappresentare la “cultura italiana architettonica” e non solo. Per festeggiare quindi questo evento nasce in serie limitata il NUMERO 25 le cui pagine bianche vogliono essere un augurio. Vogliamo che queste pagine bianche siano simbolicamente riempite di schizzi, progetti, idee, appunti per i futuri progetti ITALIANI da poter pubblicare nei numeri a venire.

Share:

Discussions — No responses yet